ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Eurispes, 52,4% italiani contrario a legalizzazione prostituzione, 3,6 mln utenti OnlyFans-Eurispes, cresce uso social network per accedere alle notizie-Lavoro, Eurispes: pochi nomadi digitali tra gli italiani, solo il 9,1%-Rapporto Italia 2024: "L'Italia è al bivio, serve coraggio"-Sean 'Diddy' Combs, un'altra donna accusa il rapper di violenza sessuale-Ansiolitici e antidepressivi, nell'ultimo anno li ha usati un italiano su 5-Lirica, Eurispes: "Le fondazioni sinfoniche tra luci e ombre"-Roma, morta la donna colpita da proiettile vagante mentre era in auto al Prenestino-Eurispes: "Digitalizzazione fisco fondamentale, giudice tributario professionale obiettivo cruciale"-Servizio civile, Eurispes: "50.040 giovani lo hanno svolto in Italia nell'ultimo anno"-Gli italiani e la carne, sempre di più quelli che non la mangiano: i vegani sono quadruplicati-Repubblica di Venezia tra ‘500 e ‘600, focus su carte di famiglie e archivio del Castello di Thiene-Criminalità, Eurispes: "In aumento gang giovanili in Italia specie al sud"-Eurispes, 40% commercio estero dell'Italia via mare, vale 377 mld dollari nel 2022-Ia, Eurispes: un italiano su 3 ne ha 'una vaga idea', più informati i giovani-ReBuild 2024, Crema (Fondazione Bruno Kessler e Her): "Idrogeno opportunità per l’Italia"-Eurispes, 57% italiani arriva a fine mese con difficoltà: pesano bollette e affitto-In Italia attivi due milioni di influencer, è il secondo mercato europeo: i dati Eurispes-Ilaria Salis in tribunale, per la prima volta senza catene e manette-Milan e Pioli si separano a fine stagione, arriva la nota ufficiale

La Co2 si trasforma in biocarburante, ecco come ridurre l’inquinamento

Condividi questo articolo:

Ridurre l’inquinamento e’ possibile grazie ad un batterio, capace di convertire l’anidride carbonica in biocarburante

Meno inquinamento grazie ad un batterio che trasforma la CO2 in biocarburante. E’ la sensazionale scoperta realizzata recentemente da un gruppo di ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) durante lo studio di una particolare specie di batterio, la Ralstonia Eutropha. Questo microorganismo dalle singolari capacità, in pratica, sarebbe in grado di metabolizzare l’anidride carbonica per produrre grandi quantità di energia utili alla sua sussistenza.

Per ridurre l’inquinamento ed avere meno emissioni di CO2 in atmosfera,  gli scienziati del MIT hanno quindi modificato geneticamente il processo di metabolizzazione che porta la Ralstonia Eutropha a trasformare le molecole di carbonio in polimeri simili ai materiali plastici prodotti dal petrolio. Il risultato finale di questa ‘variazione genetica’ ha condotto all’ottenimento dell’isobutanolo,  un alcol speciale che può sostituire o si può mescolare con la normale benzina per la produzione di biocarburante.

In futuro, il definitivo abbandono dei combustibili fossili grazie al batterio ‘anti-CO2’, potrebbe rappresentare un punto di svolta epocale per la mobilità ecosostenibile. Ovviamente, sempre se i risultati di questa ricerca, ancora in una fase preliminare, porteranno ad un livello di sperimentazione replicabile su larga scala.

Per ridurre l’inquinamento ed avere meno emissioni di CO2 in atmosfera, i test condotti dai ricercatori del MIT, richiederebbero però altri interventi genetici affinché il batterio possa diventare autosufficiente, in grado di convertire automaticamente la CO2 in biocarburante. A questo punto, soltanto gli sviluppi futuri della ricerca ci potranno dire se le applicazioni del batterio ‘anti-inquinamento’ arriveranno realmente ad un livello di produzione industriale.

Matteo Ludovisi

Questo articolo è stato letto 17 volte.

emissioni, futuro, inquinamento, ridurre, ridurre inquinamento

Comments (9)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net