ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Gaza, "Usa chiedono a mediatori pressioni su Hamas per via libera a piano Biden"-Autonomia, su referendum tutte le opposizioni unite: pronti alla raccolta firme-Napoli, incendio sulla collina dei Camaldoli: fiamme lambiscono case-Fiori, bimbi e palloncini: la festa di Kim per Putin come un vecchio film sovietico-Grecia, incendi in tutto il Paese: dichiarato stato di massima allerta-M5S, monta l'insofferenza verso Grillo: "Beppe ci ha stufato"-Euro 2024, Germania-Ungheria 2-0: gol di Musiala e Gundogan-Maturità, il tema dei politici: Giorgetti per la 'guerra fredda', Ciriani e Zangrillo su Ungaretti-Europei scherma 2024, Errigo oro nel fioretto-Mobilità, Di Loreto (Bain&Company): "Oltre 70% spostamenti italiani si effettua in auto"-Mobilità, Vavassori (Anfia): "A due settimane da uscita incentivi, tiraggio molto buono"-Il trapper Shiva a processo: "In carcere compreso errori, voglio solo fare musica"-M5S, post Grillo scuote parlamentari. Baldino: "Non si torni indietro di 15 anni"-Mobilità, Ficili (Stellantis Italy): "Bene incentivi, governo sostenga transizione"-Mobilità, Viano (Aniasa): "Cambiata rotta su incentivi e tornato 100% noleggio"-Consulenti del lavoro: da consigli provinciali piena fiducia in operato Cno-Maturità, le voci contro nel primo giorno d'esame: "Le criticità di sempre"-Putin pilota e Kim navigatore, la coppia nella supercar - Video-Ermal Meta diventa papà, è nata la figlia Fortuna: "Il mio cuore non è mai stato così grande"-Il virologo Anthony Fauci: "Ancora penso che qualcuno possa uccidermi"

Uscire dalla crisi? Basta investire nell’ambiente

Condividi questo articolo:

Secondo Achim Steiner, del programma ambientale delle Nazioni Unite, basterebbe investire il 2% del PIL mondiale annuo in green economy per uscire dalla crisi

”Investire il 2% del Pil mondiale annuo (in media circa 1.300 miliardi di dollari) fino al 2050 in 10 settori chiave dell’economia globale (energia, acqua, pesca, foreste, riciclaggio dei rifiuti, mobilita’, agricoltura) basterebbe per uscire dalla crisi economica e ambientale e avviare la transizione verso un’economia ‘verde”’.

A dirlo Achim Steiner, direttore esecutivo dell’Unep (Programma ambiente delle Nazioni unite), nel corso dell’Aurelio Peccei lecture, ‘Imparare a vivere su un unico Pianeta’, organizzata oggi a Roma dal Wwf, e dedicata al vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile di Rio+20.

La nuova economia, secondo Steiner, dovrebbe esser basata ”sulla tutela dell’ambiente e delle risorse naturali, l’equita’ sociale, l’innovazione tecnologica, con la creazione di nuovi posti di lavoro”. Il progetto – afferma – e’ di ”fare dell’ambientalismo un modello economicamente valido. La green economy dovrebbe essere introdotta a livello statale in tutti i Paesi”.

Per il direttore dell’Unep ”non attribuire valore ai servizi forniti dagli ecosistemi e’ stato uno dei fallimenti del modello di sviluppo che e’ andato in crisi”. Per esempio, osserva Steiner, ”investiamo miliardi in tecnologie per la cattura e lo stoccaggio della CO2 senza capire che abbiamo i migliori magazzini naturali che possano esistere” come ”le foreste, i suoli, gli oceani”.

Per questo, rileva, e’ ”necessario aggiungere anche la dimensione economica alle risorse naturali ed ecologiche”. Infine, per Steiner sul tavolo del vertice di Rio+20 deve esserci il problema della governance insieme, per esempio, a quello di ”riformare” proprio l’Unep, tenendo presente ”i punti chiave della sostenibilita’ e dell’equita”’ nell’inserire ”piu’ ecologia nell’economia”, cosa ”assolutamente inevitabile per i prossimi 50 anni in questo Pianeta”.

Questo articolo è stato letto 14 volte.

basterebbe investire il 2% del PIL mondiale annuo in green economy per uscire dalla crisi, del programma ambientale delle Nazioni Unite, Secondo Achim Steiner

Comments (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net