ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Tognoli: il cordoglio di Meloni e di FdI-Sanremo: Irama più citato sui media fra i cantanti, ma la sorpresa è Orietta Berti (2)-**Pd: si chiude era Zingaretti, segretario o reggente grandi manovre in corso'**-**Pd: si chiude era Zingaretti, segretario o reggente grandi manovre in corso'** (3)-Covid: Giani, 'Contagi si stabilizzano, reggere ancora un mese di restrizioni'-Tim: depositata lista Cdp per rinnovo collegio sindacale-Covid non fa girare più l'industria della giostra, per costruttori solo disperazione-Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos-Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos (2)-Gregoretti: Salvini in aula, 'ho fatto il mio dovere, ora Draghi controlli i confini'/Adnkronos (3)-Pd: Marcucci, 'M5s interlocutore ma fino a alleanza strategica ce ne corre'-**Dazi: Le Maire, 'usciamo finalmente da guerra commerciale Usa-Ue, ora accordo definitivo'**-Turismo, ecco come fare revenue management nell'extralberghiero-Il tatuatore Marco Manzo: "Nel Lazio legge mette in sicurezza intero settore"-Pd: Marcucci, 'da Zingaretti non una mossa del cavallo, Assemblea troverà soluzioni'-Pd: Miccoli a Bonaccini, 'stop polemiche interne? Poteva dirlo a Nardella...'-Covid, Istituto Maugeri Pavia: "Aumentano disturbi del sonno"-Usa-Ue: Biden sente von der Leyen, 'impegno a rivitalizzare partnership'-Gb: Meghan, 'liberatorio poter accettare richiesta intervista Oprah e tornare a dire di sì'-Gemelli Molise, il 9 marzo incontro su prevenzione e diagnosi precoce dei tumori femminili

Pericolo Tsunami anche nel Mediterraneo.

Condividi questo articolo:

Anche il  Mediterraneo e’ a rischio tsunami. Il nostro mare, anche se piccolo e relativamente chiuso, non e’ esente da possibili eventi disastrosi

Anche il Mediterraneo è a rischio tsunami. Il nostro  mare, infatti,  non è esente da possibili eventi disastrosi. Lo testimoniano gli eventi tragici scatenati dal terremoto di Messina del 1908 e dall’esplosione del vulcano Thera, nell’isola greca di Santorini, nel XVII secolo avanti Cristo, che distrusse la civiltà minoica. E lo testimonia, soprattutto, uno degli eventi più tragici accaduti nel Mediterraneo, avvenuto nell’anno 365 della nostra era. Dei ricercatori italiani, infatti, hanno  trovato al largo della Sicilia un deposito di ben 25 metri di spessore provocato dal tragico evento del 365, a dimostrazione e a testimonianza di quanto il Mediterraneo e le sue coste sono a rischio.  

In quel lontano 21 luglio 365, l’Impero romano d’occidente era in fase di decadenza e nel mare a sud-ovest di Creta avvenne un terremoto di magnitudo 8,5 gradi della scala Richter. Fu un vero disastro: nella punta sud-occidentale di Creta il terreno si alzò di 9 metri, templi e case vennero rasi al suolo, provocando onde di maremoto di 12-15 metri d’altezza, che si riversarono sulle coste di Creta e di Alessandria d’Egitto. Le vittime furono circa 45.000.

Le tracce di quello tsunami sono state rintracciate da un gruppo di scienziati italiani, coordinato da Alina Polonia dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr). La ricerca, pubblicata sulla rivista Scientific Reports, riguarda un’area abissale di sedimenti marini che raggiunge i 25 metri di spessore, alla cui base si trovano depositi trascinati in profondità.

Questo tsunami non fu l’unico. I ricercatori hanno trovato tracce di un altro evento di proporzioni simili datato 14.590 anni fa, con un margine di errore di 80 anni. Ciò significa che il Mediterraneo non è esente dal pericolo tsunami.   

(gc)

Questo articolo è stato letto 8 volte.

maremoto, mediterraneo, terremoti, tsunami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net