In Cina l’olio da cucina diventa carburante per aerei

In Cina l’olio da cucina si potrebbe presto trasformare in carburante per aerei, facendo risparmiare denaro e proteggendo l’ambiente

In Cina l’olio da cucina esausto si ricicla e lo si fa diventare carburante per aerei, risparmiando denaro e proteggendo l’ambiente. Il Centro tecnologico creato da Boeing e Commercial Aircraft Corp of China sta studiando e analizzando la conversione degli scarti dell'olio da cucina in un componente per biocarburante sostenibile per l'aviazione.

Per trasformare l’olio da cucina in carburante per aerei ora si punta ad identificare i contaminanti nello scarto dell'olio da cucina e i processi che possono trattare e ripulire l’olio. Durante il primo anno, il focus del progetto, comunque, sarà dimostrare la fattibilità e la convenienza economica dell'operazione.

L’olio da cucina trasformato in biocarburante per aerei potrebbe rivelarsi una risorsa utile alla Cina e al mondo intero, con un potenziale di sfruttamento veramente molto alto. Ma non solo. Trasformare l’olio da cucina esausto in carburante sarebbe una svolta ambientale soprattutto per la Cina, dove il mercato aeronautico cresce molto velocemente e dove l’olio da cucina è usato in quasi tutte le pietanze, dagli involtini al gelato fritto. In Cina ogni anno si consumano circa 29 milioni di tonnellate di olio da cucina, mentre il trasporto aereo cinese utilizza 20 milioni di tonnellate di carburante.

(Natale Accetta) 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER