Riscaldare casa, non il pianeta. Le regole per un'inverno eco-compatibile.

Risparmiare sulle bollette ed evitare sprechi di calore? Bastano alcuni piccoli accorgimenti.

’’Lo scorso inverno, particolarmente rigido specie al Nord, non ha aiutato e, spesso, non ha permesso un utilizzo piu’ razionale dell’energia’’, afferma Marco Decio Direttore Polo Residenziale & Oil di Cofely, società del gruppo Gdf Suez. Cio’ nonostante, rileva, ’’per affrontare al meglio i prossimi mesi bastano poche accortezze, come ad esempio, ridurre di un grado la temperatura delle nostre abitazioni e regolare meglio la temperatura dell’acqua calda, non solo per ottenere un importante risparmio in bolletta, ma contribuire tutti a un minore impatto ambientale delle emissioni inquinanti da riscaldamento’’.

Cofely evidenzia, in particolare, l’importanza dell’utilizzo di sistemi di riscaldamento efficienti nelle proprie case, come le caldaie ad alta efficienza denominate a ’’4 stelle’’; queste caldaie di ultima generazione, infatti, hanno un sistema a ’’camera stagna’’ che permette di evitare l’immissione nell’atmosfera di circa 400 Kg di CO2 per anno, avendo di conseguenza una notevole riduzione dei consumi energetici con risparmi considerevoli sui costi della bolletta. Solo nell’ultimo triennio, 2007-2009, Cofely ha stimato l’installazione di 4000 nuove caldaie presso abitazioni private in tutta Italia, di cui il 64% di tipo 4 stelle ad alta efficienza. La scelta di caldaie ad alta efficienza ha evitato l’emissione dell’atmosfera di circa 2.200 tonnellate di anidride carbonica.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER