Coltivatori si nasce? No, si diventa con l'orto in casa. Ecco come fare

L’orto in città, da tendenza e moda, sta diventando una sana abitudine, soprattutto per chi si è lanciato alla scoperta delle sue doti di agricoltore, già da tempi non sospetti. Mai perdere le speranze dunque: ecoseven.net ti spiega come organizzare l’orto in casa

Se gli amici, il passaparola, i tentativi di terapie psicologiche non hanno fatto ancora effetto sul vostro pollice che di diventare verde non ne vuole proprio sapere, forse con il nostro aiuto e pochi semplici passaggi molti di noi possono finalmente riuscire ad imbracciare paletta e rastrello per dedicarsi ad un hobby che genera “guadagni fruttuosi”. Non parliamo certo di denaro, ma piuttosto di soddisfazioni: quelle che chiunque proverebbe ad assaggiare un prodotto sano, realizzato in casa con le proprie mani.

Anche in inverno - ed è sufficiente avere un balcone per sperimentare - possiamo mettere a dimora semi e coltivare ortaggi e frutta. La cosa più importante è avere la giusta esposizione al sole (asse nord-sud), per il maggior numero di ore al giorno. E per cominciare in bellezza consigliamo di cimentarsi nella coltivazione del pomodoro. Pianta che si adatta a climi differenti, il pomodoro teme il freddo e le gelate. Dovremo perciò piantarlo all’interno di una serra facile da costruire con un telo in plastica trasparente (in polietilene) o realizzando una piccola serra: un riparo dal freddo, dalle intemperie, dalle correnti d’aria che dovrà comunque avere dei fori di ventilazione per impedire la condensa. Il terreno dovrà essere curato e ben drenato, anche se il pomodoro riesce a crescere su differenti substrati. Se possiamo teniamo sempre la temperatura della serra sui 21 gradi, controllandola con un termometro da esterni posto al suo interno.

Le piantine di pomodoro, una volta acquistate e trapiantate nel suolo necessitano di molta acqua e così fino a maturazione dei frutti. Meglio concimarle con prodotti naturali, seguendo la crescita della pianta. In caso di freddi intensi possiamo aumentare la copertura della miniserra da noi realizzata, impedendo che le foglie assumano colori preoccupanti e che si possano perciò danneggiare. Il segreto sta sempre nelle attenzioni che diamo alla pianta: un po’ di passione ci farà scoprire che diventare pollici verdi non è poi così difficile! (Vincenzo Nizza)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER