Dov'è tutta quella materia che manca dall'universo?

Gli scienziati hanno localizzato ben metà di tutto quella materia che non si sapeva dove si nascondesse nella nostra galassia

Prima questa materia non poteva essere osservata, ma si sapeva della sua esistenza. Ora finalmente è stata trovata. Gli scienziati, infatti, hanno scoperto la posizione della materia mancante dell'universo, anzi della metà di questa materia ordinaria.

Due squadre indipendenti di astronomi, una dell'Institut d'Astrophysique Spatiale (IAS) di Orsay, in Francia, e l'altra della University of Edinburgh hanno recentemente pubblicato studi che mostrano come si sia scoperto il nascondiglio di questa materia mancante. I due team sono parallelamente arrivati alla stessa conclusione: la materia ordinaria dell'universo precedentemente smarrita si trova nei filamenti di gas caldo e disperso che collegano le galassie.

Il lavoro delle squadre si è concentrato sulla materia che, contrariamente alla misteriosa materia oscura, sappiamo essere composta da protoni, neutroni e elettroni e costituire gran parte dell'universo noto. Fino a quando questi studi non sono stati rivelati, sapevamo (circa) quanta materia ordinaria esistesse nell'universo, ma non sapevamo dove fosse. Ora che è stato appurato, gli scienziati possono sentirsi più sicuri nel loro lavoro.

Avendo una natura tenue questi gas erano impossibili da individuare utilizzando telescopi a raggi X e, per aggirare questo problema, entrambe le squadre hanno fatto uso dell'effetto Sunyaev-Zel'dovich – che si verifica quando la luce residua dal Big Bang passa attraverso il gas caldo, lasciando dietro di sé una traccia del gas che può essere catturata (una mappa di questo effetto all'interno dell'universo osservabile è stata prodotta dal satellite Planck nel 2015).

Questa scoperta è una conferma, insomma: gli scienziati sospettavano questa risposta da decenni, ma solo ora hanno una risposta definitiva.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER