Semecarpus anacardium per il cuore

Condividi questo articolo:

Questa erba ayurvedica ha effetti cardioprotettivi nei diabetici

Le persone con diabete rischiano altre complicazioni, tra cui le malattie cardiovascolari. I ricercatori dell’Università di Madras di Chennai, in India, suggeriscono di utilizzare estratti del semecarpus anacardium, comunemente noto come albero di dado, albero di noce di phobi e albero di vernice per prevenire le complicazioni cardiovascolari.

Per lo studio, i ricercatori indiani hanno esaminato in particolare gl effetti sul metabolismo cardiaco alterato dal diabete.

I ricercatori hanno indotto il diabete di tipo 2 nei ratti, nutrendoli con una dieta ricca di grassi per due settimane. In seguito hanno somministrato agli animali con due iniezioni intraperitoneali della streptozotocina (una dose di 35 mg / kg di peso corporeo). Dopo 12 settimane, i ratti hanno sviluppato complicazioni cardiovascolari. I ricercatori hanno studiato gli effetti dell’estratto di semecarpus anacardium sugli enzimi che metabolizzano lo zucchero e gli enzimi dei mitocondri.

I risultati hanno mostrato che il trattamento ha migliorato l’alterazione del metabolismo energetico cardiaco nei ratti diabetici. I ricercatori hanno notato che questo effetto cardioprotettivo poteva essere attribuito alla capacità dell’estratto vegetale di migliorare l’utilizzazione del glucosio e di controllare lo stress ossidativo.

Con questi risultati, i ricercatori hanno concluso che l’estratto della pianta può essere usato per prevenire problemi cardiovascolari nelle persone con diabete. Il loro studio è stato pubblicato sul Journal of Dietary Supplements.

Questo articolo è stato letto 8 volte.

cuore, diabete, salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net