Allerta alimentare: ritirati 68 prodotti

Condividi questo articolo:

Sono molti gli alimenti rintracciabili in Europa contenenti tossine o parassiti

Sono 68 gli alimenti segnalati in Europa attraverso il Sistema di allerta Rasff, 8 dei quali per mano del nostro Ministero della salute.

Le denunce riguardano “parassiti o ingredienti non previsti”, presenti in alimenti rintracciabili nel mercato italiano ed europeo. Tra questi, la Listeria monocytogenes presente nel formaggio a latte crudo proveniente dalla Francia e il norovirus (GI) presente in ostriche vive (Crassostrea Gigas) dalla Francia. Ma non solo.

Son state recuperate diverse confezioni di noodles coreani e cinesi, importati illegalmente, contenenti o latte (non dichiarato nella lista ingredienti), grassi di capra e vitello o DNA bovino. Recuperati anche granchi francesi conteneti solfiti.

Anche i prodotti di pasticceria tunisini sono sotto accusa: respinti alla frontiera, non avevano una etichettatura adeguata.

Rintracciati, infine, frammenti di plastica nella salsa di pomodoro con basilico della marca Italiamo, venduta da Lidl (con tmc 31.12.2020 e numero di lotto: L327NDB 6A-31/12/2020 SI LB 224), attraverso la Germania.

Insomma, quando si parla di alimenti bisogna sempre stare molto attenti. Qui la blacklist della Coldiretti, diffusa solo qualche mese fa.

Questo articolo è stato letto 6 volte.

alimenti, denunce, europa, Italia, Rasff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net