ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Intesa Sp: a Ferragosto ingresso gratuito alle Gallerie d'Italia-Intesa Sp: a Ferragosto ingresso gratuito alle Gallerie d'Italia (2)-Dj morta: ore d'ansia per Gioele, la zia 'Viviana non gli avrebbe mai fatto del male'/Adnkronos-Dj morta: ore d'ansia per Gioele, la zia 'Viviana non gli avrebbe mai fatto del male'/Adnkronos (2)-Dj morta: ore d'ansia per Gioele, la zia 'Viviana non gli avrebbe mai fatto del male'/Adnkronos (3)-**Fase 3: Murero (Unina), 'con IA +16% Pil al 2030 ma è fallace'** (2)-Senza filtri: Covid 19 conta più la salute o l’economia?-Dj morta: la cognata agli inquirenti, 'Viviana non avrebbe mai fatto del male a Gioele'-Vaccino Covid, allo Spallanzani dal 24 agosto test su 3 volontari-Fase 3: Deloitte, sostegno al turismo e al made in Italy per ripartenza Paese-Coronavirus: in Lombardia stabile numero pazienti in terapia intensiva-Somma (Confindustria Basilicata): "Dopo 20 anni vediamo politiche per Sud"-Sulle tracce del piccolo Gioele, "Ricerche difficili, anche emotivamente"-Dj morta: sulle tracce del piccolo Gioele, vigili fuoco 'ricerche difficili, anche emotivamente' (2)-Dj morta: sulle tracce del piccolo Gioele, vigili fuoco 'ricerche difficili, anche emotivamente' (3)-Banderas positivo al Covid: "Compleanno in quarantena"-Lega, Bossi: "Nostri territori barattati per voti al Sud"-Giletti conferma: "Io sotto scorta da 2 settimane"-Vaccino influenza, Tar Lazio conferma l'obbligo-Inps: Bellanova, 'rendere pubblici nomi parlamentari che hanno ottenuto il bonus'

Dalla Spagna arriva anche l’eco-parrucchiere

Condividi questo articolo:

E’ un progetto di L’Oreal che aspira a creare in Spagna 35 mila saloni da parrucchiere ecocompatibili, gia’ a Madrid si può visitare il primo salone verde realizzato tutto con materiale riciclato e con energia rinnovabile. Si punta così a creare nell’anno in corso 35 mila centri di eco-parrucchieri

Spreco d’acqua e di energia, una sbagliata separazioni dei rifiuti, l’uso di prodotti tossici e inquinanti sono alcuni degli errori comuni che si commettono ogni giorno nei saloni di bellezza. Per difendere sia i clienti che l’ecosistema, è nata l’iniziativa dell’ “Accademia verde”, la prima scuola a Madrid per eco-parrucchieri che sappiano evitare i “peccati ambientali”. L’ “Accademia verde” ha come obiettivo principale insegnare il mestiere ma anche offrire corsi di perfezionamento a quelli che sono già professionisti nell’ambito della bellezza sostenibile. L’Accademia spera di formare più di 8000 eco-parrucchieri nel 2011. L’iniziativa è nata dalla firma L’Oreal, che ha costruito a Madrid un immenso “eco-salone di bellezza” che aspira ad essere un modello per i 35 mila centri di parrucchieri che si vogliono creare in Spagna (auspicabilmente), secondo Rosa Ramos, responsabile del progetto. “Il parrucchiere del futuro è costruito integralmente con materiali rispettosi dell’ambiente”. Mobili e pavimenti sono stati costruiti con “ecomat”, un materiale fabbricato con plastico riciclato e noci di olive; le sedie con pannelli fatti di fibra di cellulosa ottenuta da carta riciclata, mentre la ceramica e le tinture sono foto catalitiche; le lampadine a basso consumo e tutto il legno del locale con certificazione di sostenibilità. Inoltre, l’Accademia si climatizza mediante il cosiddetto “freddo solare”, una tecnologia di panelli solare che producono l’energia dell’acqua calda, riscaldamento e refrigerazione. I phon e le piastre si spengono automaticamente quando non sono utilizzati e l’acqua non si spreca: c’è un uso limitato di 6,4 litri per minuto e un sistema di filtri con tubature trasparente che permettono vedere quanto è pulita. (Gfc)

Questo articolo è stato letto 15 volte.

acqua energia, eco parrucchiere, l'oreal spagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net