Tradizione e natura, il (nuovo) segreto di bellezza dal Venezuela

Dall'antica sapienza dei Waiùu, indigeni del Venezuela, nasce una linea di prodotti per la bellezza a base di ingredienti tradizionali e completamente naturali. L'idea è di una modella, stanca degli effetti collaterali dei normali cosmetici

“Quando ero modella ho cominciato ad utilizzare trucchi e prodotti tradizionali per il viso. Molti di loro chimici. Quando tornavo a casa dopo avere avuto cinque o sei sfilate al giorno mia madre mi faceva le cure per un mese con i prodotti naturali. Avevo la pelle rovinata”, racconta la modella e attrice venezuelana Patricia Velásquez. “Per questo mi è venuto in mente di condividere questa sapienza degli indigeni del mio paese –continua Velásquez in un’intervista alla BBC- e fare in modo che loro possano prenderne profitto”. È nata così l’idea di creare la linea di cosmetica naturale Taya Beauty, che significa “sono io” nella lingua indigena wayúu, etnia della quale lei è originaria.

Le materie prime sono sopratutto il prezzemolo, l’avocado e la noce del Brasile. Ma c’è anche l’utilizzo della radice dell’albero “moriche”, che si trova soltanto in Venezuela e che fa parte di tutti i rituali della tribù wayúu. I prodotti si commercializzano attraverso la rete Home Shopping Network e si trovano in Germania, Canada, Giappone, Inghilterra e anche in Italia.Per adesso sono soltanto prodotti per la cura dei capelli. A maggio si aspetta l’arrivo della seconda linea di cosmetica per il viso e si progetta un profumo. Tutti fabbricati con le ricette e secreti della cultura indigena

“Gli ingredienti beneficiano alla comunità, il programma è ottimo per il medio ambiente. Non è carità, è sostenibilità. Il consumatore si beneficia, la fondazione si beneficia”, ha spiegato. La Fondazione alla quale si riferisce è Wayuú Taya, nata ne 2002 per migliorare la vita delle comunità indigene. Wayúu Taya porta avanti diversi progetti orientata alla formazione dei bambini, l’assistenza alle donne della comunità con la costruzione di scuole finanziate con sfilate di moda ed elaborazione di abbigliamenti unici della cultura indigena.

Nata nel 1971 a Maracaibo, Venezuela, è di padre meticcio e di mamma indigena, dell’etnia wayúu –Penisola de La Guajira, nel confine tra il Venezuela e la Colombia-. Dopo avere fato la modella a Parigi, Milano e New York per molti anni, nel 1997 Velásquez passa al cinema e interpreta ruoli importanti in una ventina di film e fiction (tra cui “La Mummia e “CSI”). Alterna la sua vita professionale con l’impregno sociale nella fondazione.

(Gfc)