ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Sicilia: fugge al controllo della Polizia, arrestato dopo rocambolesco inseguimento in autostrada-Migranti: Savarino (Db) replica a Fava, 'Musumeci non instilla paura, polemiche sterili'-Terna: al via procedimento autorizzativo per riassetto rete elettrica in comuni del Novarese-Accordo AbbVie-Rse: impresa e ricerca insieme per una ripresa sostenibile e smart-Palermo: Polizia sventa truffa ad anziano, un arresto-Palermo: Polizia sventa truffa ad anziano, un arresto (2)-Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton'-Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton' (2)-Beccarello (Confindustria): "Per le imprese carbon reputation è fondamentale"-Aspi: Conte, 'ieri scritta pagina inedita, ha vinto Stato e rispetto memoria vittime'-**Aspi: Provenzano, 'riaffermato interesse pubblico e diritto contro privilegi'**-Delfanti (Rse): "Efficienza energetica per competitività industriale e sostenibilità"-Sicilia: Anas, al via lavori in gallerie su A19 e A29-Energia, Delfanti (Rse): "Idrogeno possibilità a cui guardare con attenzione"-Sicilia: Samonà, 'Pronto a collaborare con neo assessore Palermo, non replico a Orlando'-Lega: Giovani Sicilia, 'intollerabili insulti social a nostri militanti'-**5G: Gubitosi, 'Milano coperta al 90% per fine anno'**-Sicilia: sindaco Palermo, 'Giunta comunale non siederà mai accanto assessore Sicilia Samonà'-**Governo: Di Battista, 'grandi intese bluff, diventerebbe di grandi imprese'**-Aspi: Di Battista soddisfatto, 'Benetton presi a schiaffi, senza precedenti'

Dipendenza da smartphone: le donne sono più a rischio

Condividi questo articolo:

L’utilizzo dello smartphone diventa compulsivo? Attenti a depressione, isolamento sociale, timidezza, impulsività e bassa autostima

L’utilizzo dello smartphone a volte semplifica le nostre vite, ma può diventare anche un comportamento ossessivo e, se legato a un abuso di attività sui social network, è anche una delle cause della depressione.

Secondo uno studio americando condotto dalla Binghamton University – State University di New York, sono le donne le più a rischio quando parliamo di dipendenza da smartphone.

L’iniziale euforia può convertirsi presto in dipendenza e farci avvertire i primi sintomi di depressione, isolamento sociale, timidezza, impulsività e bassa autostima.

Lo studio ha preso in esame 182 studenti del college ai quali è stato chiesto di riportare le abitudini giornaliere in fatto di utilizzo dello smartphone.

I ricercatori hanno individuato dalle risposte tre gruppi di utilizzatori: riflessivi, regolari, altamente coinvolti, fanatici e dipendenti.

Dai risultati è emerso che il 7% è stato identificato come “dipendente”, il 12% come “fanatico”.

Il problema è il bisogno compulsiva di sbirciare lo smartphone, un esigenza che diventa “compulsiva” e che può causare problemi. Le donne sono risultate la categoria più a rischio.

“Si può prevedere che la dipendenza aumenterà mano a mano che ci saranno avanzamenti, applicazioni, giochi e gadget” evidenzia Isaac Vaghefi, tra gli autori dello studio. Vaghefi, come riporta l’Ansa, elenca anche quattro campanelli d’allarme: attenzione a utilizzare la tecnologia come un modo per sfuggire ai problemi o alleviare impotenza, senso di colpa, ansia o depressione. Occhio anche se si ignora ciò che accade realmente per il virtuale, se si controlla costantemente lo smartphone, anche quando non suona o vibra, e se si diventa paranoici quando non lo si ha dietro.

Questo articolo è stato letto 8 volte.

Anti depressione, Compulsivo, depressione, salute, Smartphone, utilizzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net