Tassa sulle bibite zuccherate: a Seattle costeranno 21 centesimi in più a lattina

Per combattere l'obesità, nella città americana si tassano le bibite. Non è il primo caso

Le bibite zuccherate ormai sono viste come un problema di salute pubblica: anche la cità di Seattle, negli Stati Uniti, ha deciso di intervenire. Dove le campagne sulla corretta informazione non bastano, si può usre anche la leva del portafogli. La città più grande dello stato di Washington introdurrà una tassa sulle bibite zuccherate. Si tratta di circa 21 centesimi a lattina. Non sarà forse questo ad arginare il fenomeno dell’obesità, ma si tratta di un segnale chiaro da parte delle istituzioni. 

Ovviamente non sono mancate le critiche dato che questa tassa potrebbe danenggiare più i piccoli imprenditori che contrastare l’obesità.
San Francisco ha già tassato le bibite, mentre i medici britannici chiedono l’introduzione della tassa anche Oltremanica.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER