ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Sicilia: fugge al controllo della Polizia, arrestato dopo rocambolesco inseguimento in autostrada-Migranti: Savarino (Db) replica a Fava, 'Musumeci non instilla paura, polemiche sterili'-Terna: al via procedimento autorizzativo per riassetto rete elettrica in comuni del Novarese-Accordo AbbVie-Rse: impresa e ricerca insieme per una ripresa sostenibile e smart-Palermo: Polizia sventa truffa ad anziano, un arresto-Palermo: Polizia sventa truffa ad anziano, un arresto (2)-Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton'-Aspi: Conte, 'negoziato durissimo, estromessa famiglia Benetton' (2)-Beccarello (Confindustria): "Per le imprese carbon reputation è fondamentale"-Aspi: Conte, 'ieri scritta pagina inedita, ha vinto Stato e rispetto memoria vittime'-**Aspi: Provenzano, 'riaffermato interesse pubblico e diritto contro privilegi'**-Delfanti (Rse): "Efficienza energetica per competitività industriale e sostenibilità"-Sicilia: Anas, al via lavori in gallerie su A19 e A29-Energia, Delfanti (Rse): "Idrogeno possibilità a cui guardare con attenzione"-Sicilia: Samonà, 'Pronto a collaborare con neo assessore Palermo, non replico a Orlando'-Lega: Giovani Sicilia, 'intollerabili insulti social a nostri militanti'-**5G: Gubitosi, 'Milano coperta al 90% per fine anno'**-Sicilia: sindaco Palermo, 'Giunta comunale non siederà mai accanto assessore Sicilia Samonà'-**Governo: Di Battista, 'grandi intese bluff, diventerebbe di grandi imprese'**-Aspi: Di Battista soddisfatto, 'Benetton presi a schiaffi, senza precedenti'

L’inquinamento ambientale influisce sul profumo dei fiori

Condividi questo articolo:

Gli scienziati spiegano il declino delle varie specie di piante e delle abilità degli insetti nel riconoscerle

Svegliarsi con il dolce profumo delle viole e immergersi nell’acqua con fragranti petali di rosa è pura felicità. Purtroppo, però, potrebbe trattarsi presto di un ricordo, dal momento che l’inquinamento sta trasformando il “linguaggio odoroso” dei fiori.

Ad affermarlo è la divulgatrice scientifica Marta Zaraska, che ha da poco pubblicato un articolo in cui afferma che l’inquinamento atmosferico non solo rende più difficile la sopravvivenza della vegetazione, ma rende anche difficile, per gli insetti impollinatori, distinguere le piante attraverso le fragranze uniche che emettono.

Zaraska dice che queste comunicano tra loro attraverso i profumi che rilasciano nell’aria. Riducendosi le fragranze, i messaggi diventano confusi e gli insetti faticano ad impollinare.

E non è la sola ad affermarlo. Jose Fuentes, professore di meteorologia e scienze atmosferiche alla Pennsylvania State University, dice che gli inquinanti atmosferici interagiscono e distruggono le molecole di profumo della pianta. Questi odori contaminati possono confondere le api e rendere più difficile l’impollinazione.

Fuentes spiega che molti insetti costruiscono i loro nidi fino a 3000 metri di distanza dalla loro fonte di cibo. L’inquinamento atmosferico delle grandi città riduce la distanza che i profumi possono coprire: gli odori quindi non arrivano a 4.000 piedi, come nel 1800, ma a soli 700 piedi. Pertanto, gli impollinatori, come le api, hanno grandi difficoltà.

Che fare? L’unica soluzione sarebbe quella di adottare tecniche moderne per il filtraggio dell’aria, ecologiche e poco invasive, come questa piccola installazione verde che fa il lavoro di una foresta.

 

Questo articolo è stato letto 11 volte.

fiori, impollinazione, inquinamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net