Basterà un esperimento dentro un acquario per salvare la Grande Barriera Corallina?

Un gruppo di ricercatori della Florida ha annunciato di essere riuscito a riprodurre i coralli in laboratorio

I ricercatori del The Florida Aquarium di Tampa sostengono di essere riusciti a riprodurre un gruppo di coralli per due giorni di fila. Si tratta del primo tentativo così riuscito di riproduzione dei coralli dell'Atlantico in un ambiente di laboratorio e potrebbe avere importanti implicazioni per il salvataggio delle barriere coralline.

Il progetto, che si chiama «Project Coral», è stato sviluppato in collaborazione con l'Horniman Museum and Gardens di Londra, con l'obiettivo di creare grandi depositi di uova di corallo in un laboratorio e ripopolare il tratto di barriera corallina della Florida.
Le barriere coralline della Florida sono il terzo più grande ecosistema corallino al mondo, ma l'inquinamento, i cambiamenti climatici e le scogliere indebolite da varie epidemie hanno generato la distruzione di gran parte dell'ecosistema.

I ricercatori hanno iniziato a lavorare nel 2014 con lo Staghorn Coral (Acropora cervicornis), ma poi si sono concentrati sul Pillar Coral (Dendrogyra cylindrus), il corallo a pilastro che, devastato dalla malattia, è ormai quasi estinto. Ad aggravare la sua precaria situazione, c'è anche il fatto che i gruppi femminili e maschili di questo corallo sono troppo distanti per riprodursi. In questo senso, le vasche dell'acquario hanno potuto fare quello che la natura non poteva: utilizzare attrezzature ad alta tecnologia (come la tecnologia LED) e sistemi computerizzati, per imitare il vero ecosistema della barriera corallina e inviare segnali per incoraggiare la riproduzione.

Il fatto che ci siano riusciti è una grandissima vittoria, soprattutto contro i detrattori, che sostenevano fosse impossibile generare uova di corallo della specie nativa dell'Atlantico. Ovviamente, è ancora presto per sapere se questo progetto riuscirà davvero nell'impresa di ripopolare la Grande Barriera Corallina americana, ma di certo questo successo ha portato molta speranza.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER