Pratiche per salvare i rinoceronti bianchi settentrionali dall'estinzione

Anche se sono rimaste solo due femmine delle specie (impossibilitate a procreare), gli scienziati potrebbero aver trovato una soluzione per preservare questi animali

Non è stata una storia felice quella che ha portato i Ceratotherium simum cottoni, meglio noti come rinoceronti bianchi settentrionali, sul baratro dell'estinzione. Anni di bracconaggio e guerre civili hanno condotto questi iconici animali a passi spediti verso la fine della loro specie. Situazione che si è aggravata nel 2018, quando, in Sudan, è morto l'ultimo maschio rimasto al mondo, lasciando due esemplari femmine, di cui nessuna in grado di poter portare a termine una gravidanza.

Come uscirne? Un team internazionale di scienziati e ambientalisti dice che si può grazie a una procedura, che hanno recentemente completato e che potrebbe salvare la specie dalla scomparsa per sempre. I veterinari, infatti, sono riusciti a raccogliere le uova delle due femmine – Najin e Fatu – che vivono nella Ol Pejeta Conservancy, in Kenya. Mai prima d'ora era stata tentata una pratica simile sui rinoceronti bianchi settentrionali: alle due femmine è stata somministrata un'anestesia totale e, grazie a una sonda ad ultrasuoni sviluppata con anni di ricerca e pratica, sono state prelevate dieci uova.

Sette di queste dieci uova sono maturate con successo e sono state inseminate artificialmente attraverso un'iniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo (ICSI), fatta con sperma congelato dei rinoceronti bianchi settentrionali Suni e Saút, che sono morti rispettivamente nel 2014 e nel 2018. Se ne seguirà uno sviluppo embrionale di successo, gli ovociti saranno trasferiti in una madre surrogata.

Gli scienziati ci tengono a sottolineare che tutta la procedura è stata condotta con una profonda etica, nel pieno rispetto del benessere dei due esemplari trattati – una procedura a cui non si sarebbe mai arrivati se questa specie, come altre, fosse stata rispettata e tutelata nel corso della sua storia su questo pianeta.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER