Tre caffè al giorno tolgono – probabilmente - il cardiologo di torno

Da uno studio dell’Università di San Paolo in Brasile i benefici del caffè sul sistema cardiovascolare

WhatsApp Share

E’ stato da poco pubblicato sul Journal of the American Heart Association uno studio sulle possibili relazioni tra assunzione di caffè e aterosclerosi, una malattia che colpisce le arterie, infiammandole e irrigidendole. 

Secondo quanto osservato dagli scienziati, su un campione di oltre 4.000 soggetti, il consumo abituale di almeno 3 caffè al giorno diminuisce le probabilità di aterosclerosi e potrebbe esercitare, in generale, un effetto benefico contro malattie cardiovascolari e contro la calcificazione coronarica, uno dei fattori di rischio per l’infarto.

Al momento, però, gli studiosi non sanno con precisione se sia la caffeina o qualche altro elemento antiossidante contenuto in esso ad avere l’effetto benefico. Di sicuro, i livelli di deposito di calcio nelle arterie ha una correlazione inversa con il consumo della bevanda.

Dei soggetti che hanno preso parte all’esperimento, tutti domiciliati a San Paolo, la maggior parte consumava regolarmente caffè: il 56% lo faceva almeno due volte al giorno, mentre il 12% più di tre volte. Inoltre, il 10% presentava livelli di deposito di calcio nelle arterie. I risultati hanno dimostrato che chi assumeva almeno tre caffè al giorno aveva le analisi migliori, ossia arterie più pulite.

Questo, però, valeva solo per i non fumatori: dalla ricerca è emerso che gli effetti negativi del fumo potrebbero ridurre o addirittura cancellare quelli benefici del consumo di caffè. Smettere, quindi, potrebbe dar benefici sia a breve che a lungo termine.