Gli effetti del caffè sul metabolismo

Un nuovo studio suggerisce che l'abitudine alla caffeina può influenzare il metabolismo del nostro corpo più di quanto pensiamo

WhatsApp Share

Sulla rivista «Journal of Internal Medicine», è stato pubblicato un piccolo studio che ha rilevato che il consumo pesante di caffè – da quattro a otto tazze al giorno – altera i livelli ematici di oltre 100 metaboliti, che vuol dire una vasta gamma di sostanze chimiche che cambiano dopo aver mangiato o bevuto.

Si sapeva che erano molto importanti gli effetti della caffeina sul metabolismo, ma i risultati per molti versi sono stati davvero sorprendenti. Ad esempio, il caffè riduce i livelli di alcuni metaboliti legati al sistema endocannabinoide – lo stesso sistema influenzato dalla marijuana – ma questo effetto (positivo per il corpo) è esattamente l'opposto di quello indotto dal fumare erba.

Questo non ci dà un messaggio chiaro e univoco, ma, come sappiamo, sono già molti gli studi che dicono che i bevitori di caffè hanno in genere minori rischi di incappare in varie malattie rispetto ai non bevitori – lo ha spiegato Marilyn Cornelis, la ricercatrice principale del nuovo studio. I possibili benefici includono minori rischi di Parkinson, diabete, sclerosi multipla e alcuni tipi di cancro.
La gran parte di questi studi riguarda solo le associazioni tra le due condizioni, mentre quello che ha voluto e vorrebbe fare questo studio è cercare di carpire di più dai meccanismi biologici che sono alla base di tali associazioni.

I risultati provengono da una sperimentazione clinica che ha coinvolto 47 adulti finlandesi, tutti abituali bevitori di caffè. I ricercatori li hanno fatti astenere dalla caffeina per un mese, quindi gli hanno fatto bere quattro tazze di caffè al giorno il mese successivo e otto tazze al giorno il mese dopo ancora, raccogliendo campioni di sangue alla fine di ogni mese.

Oltre all'innesco di molti cambiamenti attesi nel metabolismo e a quelli già raccontati sugli endocannabinoidi, ci sono stati cambiamenti sorprendenti in alcuni metaboliti legati al sistema steroideo – che comprende colesterolo e ormoni (come il testosterone e gli estrogeni) – e al metabolismo degli acidi grassi.

Anche se non sono state ancora scoperte implicazioni per la salute, la speranza dei ricercatori è che questo studio possa innescare delle ipotesi e scavare più a fondo nella connessione tra il metabolismo e il caffè – anche perché questo studio era davvero molto piccolo.
Speriamo che queste speranze vengano raccolte perché sarebbe molto interessante scoprire se il caffè migliora davvero alcuni aspetti della nostra salute – ovviamente preso in una determinata maniera e secondo determinati standard.