E se la tubercolosi e il diabete fossero collegati?

Secondo gli scienziati il vaccino per la TBC potrebbe prevenire alcune complicazioni del diabete

WhatsApp Share

Tutto è iniziato tre anni fa, quando dopo aver avuto due iniezioni di vaccino contro la tubercolosi a distanza di quattro settimane, 50 persone con diabete di tipo 1 da almeno 10 anni hanno visto diminuire in modo significativo i livelli medi di zucchero nel sangue a lungo termine, per almeno cinque anni. In quel momento, i ricercatori della Harvard University e del Massachusetts General Hospital hanno iniziato a pensare che forse un vaccino di inizio '900 poteva essere la chiave per prevenire gravi complicazioni del diabete. In generale, abbassare la glicemia migliora la qualità della vita e riduce il rischio di complicanze in malattie come il diabete di tipo 1 e, in questo caso, la glicemia è stata abbassata di oltre il 10%.

Il vaccino per la TBC che è stato usato, noto come il vaccino per il Bacillo Calmette-Guérin (BCG), ha l'approvazione della Food and Drug Administration ed è usato contro la tubercolosi da circa 100 anni, appunto.

Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista «Vaccine» si è concentrato su 12 persone con diabete di tipo 1, di cui 9 sono stati inseriti nel gruppo BCG, mentre 3 hanno ricevuto un placebo. I ricercatori hanno utilizzato come misura l'emoglobina A1C che stima i livelli di zucchero nel sangue nell'arco di due o tre mesi e hanno ottenuto i seguenti risultati: all'inizio dello studio, l'A1C medio per il gruppo vaccino era 7.4 e, alla fine, per cinque era 6.2, per otto era 6.7; nel gruppo placebo, invece, non c'era alcun miglioramento nei livelli di A1C.

I ricercatori credono che quello che è successo sia un processo chiamato glicolisi aerobica che fa sì che le cellule consumino più zucchero – il processo sembra chiudersi quando i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono, impedendogli di scendere troppo. Questo potrebbe significare che il vaccino potrebbe essere utile anche per le persone con diabete di tipo 2.