Yerba mate? Meglio del caffè

In forma con l'infuso tanto amato in Sudamerica

WhatsApp Share

L'aggiunta di yerba mate alla dieta potrebbe aiutarci a contrastare l'obesità e l'insulino-resistenza che accompagna questa condizione. Lo studio che ha permesso agli scienziati di affermarlo, pubblicato sul Journal of Medicinal Food, ha esaminato infatti gli effetti a lungo termine dell'integrazione di yerba mate sull'adiposità e sulle conseguenti disfunzioni metaboliche.

I ricercatori hanno selezionato topi C57BL / 6J e li hanno divisi in due gruppi. Il gruppo di controllo è stato alimentato con una dieta ricca di grassi (HFD), mentre il gruppo sperimentale è stato alimentato con un HFD e yerba mate.

I topi alimentati con yerba mate hanno migliorato il loro dispendio energetico e l'espressione del gene termogenico nel tessuto adiposo bianco (WAT). Hanno anche mostrato una diminuzione dell'espressione di mRNA degli acidi grassi sintasi (FAS) nei loro WAT, che i ricercatori hanno collegato a una diminuzione del peso corporeo, del peso di WAT, della dimensione degli adipociti dell'epididimo e del livello di leptina nel plasma.

I lipidi plasmatici e le goccioline lipidiche nel fegato sono diminuiti, mentre i campioni fecali ne erano pieni: questo significava che i topi erano in grado di espellere il grasso con le feci .

La yerba mate riduce anche i livelli di insulina plasmatica e migliora la tolleranza al glucosio. Anche i livelli di inibitore gastrico e peptide diminuiscono dopo l'assunzione di questo particolare infuso.

Da risultati emersi, i ricercatori hanno concluso che la yerba mate può migliorare l'adiposità indotta dalla dieta, la resistenza all'insulina, la dislipidemia e la steatosi epatica. Quando berla? Anche la mattina, al posto del caffè.