L’auto inquinante diventa auto elettrica

Le auto Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 potranno diventare green: un kit le trasforma in auto elettrica

WhatsApp Share

Da Euro 0 ad elettrica. Anche in Italia, finalmente, le vecchi auto, quelle più inquinanti, con motore benzina o diesel, possono essere trasformate in veicoli a trazione 100% elettrica. Basterà seguire le norme e le procedure: un'auto o un furgone con classificazione Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 potranno diventare green. È stato infatti pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'11 gennaio il decreto che disciplina la 'trasformazione dei veicoli a motore endotermico in veicoli elettrici'.

Prima di questa disciplina, trasformare un veicolo inquinante in uno elettrico era qualcosa di impossibile visti i costi della conversione, troppo elevati, proprio per la mancanza di norme tecniche, e gli ingenti oneri di omologazione.

La trasformazione avviene grazie ad un kit composto da motore elettrico con convertitore di potenza, pacco batterie e interfaccia, con la rete per la ricarica delle batterie, il tutto con una procedura molto simile a quella del montaggio di un impianto a Gpl o metano. Quindi, il produttore del kit dovrà sottoporlo all'omologazione e fornire le prescrizioni per il montaggio, che verrà poi eseguito da un autoriparatore. Terminate le modifiche, come avviene per l’installazione dell’impianto Gpl, si dovrà portare l'auto alla Motorizzazione che, a seguito di visita e prova, provvederà all'aggiornamento della carta di circolazione del mezzo.

‘Il comparto dell'autoriparazione ha il potenziale per crearsi opportunità di lavoro e aprire ulteriori prospettive. Si potrà creare una filiera locale rilanciando anche i settori dell'elettromeccanica e delle carrozzerie. L'attività di 'retrofit' può essere svolta completamente all'interno di una singola autofficina, portandole valore aggiunto’, spiega Severino Dal Bo, presidente degli autoriparatori di Marca Trevigiana.

gc