È record rinnovabili: sempre più convenienti. Ma il fossile riceve il quadruplo dei sussidi

In molti casi l'energia verde costa meno di quella prodotta da fonti fossili

WhatsApp Share

Anche lo scorso anno è proseguita la crescita record delle energie rinnovabili: si è registrato un +9,1% con 161 gigawatt di nuova potenza installata. Ormai in molti paesi il costo dell’energia pulita è inferiore al costo di quella prodotta da fonti fossili.

Nonostante questo gli investimenti nel settore dell’energia verde sono calati del 23%. I sussidi al fossile sono il quadruplo rispetto a quelli destinati alle rinnovabili.
Lo spiega il Rapporto 2017 sulle fonti rinnovabili di REN21, l'organizzazione con sede a Parigi che raccoglie governi, ong, centri di ricerca ed aziende, per la promozione delle fonti di energia pulita.

Nel 2016 la potenza installata nel mondo in energie rinnovabili è aumentata del valore record di 161 gigawatt (+9%), fino a quasi 2.017 gigawatt. Il solare rappresenta il 47% dell'incremento, l'eolico il 34%, l'idroelettrico il 15,5%.

Sarebbe possibile, se volessimo, arrivare ad un mondo 'alimentato' al 100% da energie rinnovabili.

Nonostante la crescita delle rinnovabili, la transizione energetica non procede abbastanza veloce per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi.

Gli Stati Uniti, nonostante le ultime scelte dell’amministrazione, rimangono il maggior investitore mondiale in energie pulite, con una quota del 19%.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy