Come risparmiare l'acqua nel proprio bagno e in casa

L’acqua è un bene da tenere caro, ma è anche impossibile farne a meno: secondo i dati forniti dall’Eurostat, l’Italia è il paese con più elevato livello di consumo d’acqua per usi domestici dell’Unione Europea. Per risolvere il problema, basta iniziare dal nostro bagno

WhatsApp Share

Si tratta di una storia già sentita: l’acqua è un bene primario per la vita dell’uomo e risparmiarla, oltre ad essere un dovere economico, è soprattutto un dovere morale. Tanti buoni propositi che falliscono nello stesso momento in cui apriamo il rubinetto del nostro bagno: un po’ perché troppo presi dalla fretta di uscire puliti e belli, un po’ perché percepiamo l’acqua come un bene gratuito e di scarso valore, un po’ perché ci sembra quasi impossibile prenderci cura del nostro corpo senza navigare nell’acqua corrente. Eppure basterebbe seguire qualche piccolo accorgimento: per esempio, quando ci si lava i denti, le mani o si fa la doccia, è consigliabile tenere aperto il rubinetto soltanto per il tempo necessario a bagnarsi e sciacquarsi. D’altronde, lasciar scorrere l’acqua mentre ci si insapona è uno spreco inutile. Stessa cosa durante la rasatura: basta riempire con un po’ d’acqua il lavello, in cui possiamo anche pulire il rasoio nell’acqua del lavello, e aprire il rubinetto solo alla fine, al momento del risciacquo. Al posto della vasca da bagno, scegliamo una doccia, più veloce e allo stesso tempo può rivelarsi anche rilassante. In ultimo, per non contribuire al deterioramento del nostro pianeta, sarebbe meglio installare i riduttori di flusso dell’acqua ai rubinetti e controllare impianto e tubature: anche una piccola perdita d’acqua si traduce nel tempo in un grande ed inutile spreco, oltre ad apportare danni all’intero immobile. (fla. do.)