Donne: sette regole per vivere più serene

Le donne sono tre volte più depresse degli uomini. Ecco 7 regole per vivere serene

WhatsApp Share

 

Wonder women. O forse no. Le donne moderne sono  multitasking, ma le conseguenze possono essere pesanti, come mostrano di dati sull’incidenza di problematiche psicologiche. In particolare, sembrerebbe che le donne sviluppano sintomi depressivi con una frequenza da due a tre volte superiore rispetto agli uomini, ansia e attacchi di panico con una frequenza tra tre e quattro volte maggiore; disturbi alimentari (anoressia, bulimia, abbuffate compulsive) con un’incidenza quasi 20 volte più elevata. (e proprio l’anoressia è il male nel quale il perfezionismo ha il ruolo più centrale).

La colpa sta, sostiene lo psicoterapeuta Giovanni Porta, nei ‘residui di una cultura maschilista in cui sembra impossibile dividere al 50% faccende ed incombenze domestico-familiari. Ma non solo. Varie ricerche di psicologia mostrano come le donne siano maggiormente tendenti a giudicarsi con severità, rispetto agli uomini, sia in ambito lavorativo che familiare. In altre parole, dopo ore e ore di lavoro, molte donne arrivano a casa e sentono di non stare facendo abbastanza: di non essere abbastanza materne, amorevoli, affascinanti, piene di cura ecc. In una parola: sentono di non essere abbastanza perfette. Nella mia esperienza clinica, ho notato come uno degli elementi che maggiormente porta le persone ad essere infelici è proprio l’eccesso di perfezionismo: la tendenza a pretendere troppo da se stessi, non accettando fallimenti e imperfezioni inevitabilmente umane. La raggiunta parità di genere ha portato molte donne al sovraccarico: ‘poiché oggi possiamo fare tutto, le donne si sono convinte che devono fare tutto’.

Le donne di oggi sono impegnate a inseguire standard elevatissimi, in ogni parte della loro vita. L’origine di un atteggiamento perfezionista va ricercata nell’educazione ricevuta, nella quale spesso si mescolano richieste eccessive.

Quali regole per vivere serenamente? Ce le suggerisce psicoterapeuta Giovanni Porta in pochi punti riassume alcune regole di vita, che permettono di vivere in armonia con se stesse.

 

1)    Innanzitutto, è molto importante divenire consapevoli delle richieste che l’educazione ci ha posto, e prenderne le dovute distanze.

2)    Assolversi dalla colpa di non essere abbastanza.

3)    Imparare a disobbedire a genitori e insegnanti troppo severi.

4)    Cercare standard di vita sostenibili, nei quali ci sia spazio per l’imperfezione (propria e degli altri) e il divertimento, e non solo per il dovere in ogni campo.

5)    Ricordarsi che inseguire un ideale di vita irraggiungibile non fa che abbattere energie ed autostima.

6)    Non preoccuparsi troppo di scontentare qualcuno.

7)    Iniziare, in sostanza, un viaggio alla ricerca della propria qualità di vita.

Lo psicoterapeuta Giovanni Porta ha deciso, in occasione della festa della donna, e per tutto il mese di marzo, di offrire una seduta gratuita ad ogni donna che ne senta l’esigenza, presso uno dei suoi studi di Roma, Milano, Pomezia e Busto Arsizio (VA). Per maggiori informazioni e contatti www.giovanniporta.it.

 

 ‘Il migliore insegnamento che possiamo dare ai nostri figli non è come fare a diventare perfetti, ma come fare a diventare felici’, conclude lo psicoterapeuta Giovanni Porta.