Un nuovo modo per diagnosticare e trattare l'asma

Lo «sneezometer» è un sensore di flusso che può aiutare i pazienti a respirare meglio

WhatsApp Share

Nonostante il suo nome, strano e un po' buffo, lo «sneezometer» è un'invenzione che potrebbe rivelarsi davvero molto importante. Dalle aule della University of Surrey, questo sensore di flusso, che è sufficientemente sensibile per misurare la velocità di un starnuto, potrebbe cambiare il modo in cui l'asma viene diagnosticata e trattata – inoltre, se tutto procede per il verso giusto, potrebbe entrare in servizio clinico già dal 2018.

In quanto sensore di flusso, lo «sneezometer» è essenzialmente uno spirometro e come tutti gli spirometri misura la capacità polmonare (questi strumenti sono ampiamente utilizzati per la diagnosi di patologie respiratorie croniche e acute come l'asma). Fino a questo momento, gli spirometri sono sempre stati costosi, ingombranti e non abbastanza accurati come i medici avrebbero voluto, ma lo «sneezometer» affronta molti di questi problemi. 

Innanzitutto è ultra-sensibile e a basso costo e poi è in grado di misurare il flusso dell'aria attraverso i polmoni del paziente in maniera non invasiva: il paziente respira attraverso questo strumento – delle dimensioni di un pugno – e lo «sneezometer» raccoglie le piccole variazioni della portata del respiro che possono essere causate da una malattia. 

Inoltre, visto che lo strumento non è ancora disponibile sul mercato, i ricercatori stanno continuando ad esplorarne le capacità diagnostiche: lo «sneezometer» è attualmente in fase di sperimentazione presso il King's College Hospital di Londra dove viene utilizzato per capire quali sono le caratteristiche neonatali di questa condizione attraverso i disturbi degli animali. 

Una delle cose più stupefacenti di questa invenzione è che questo spirometro portatile è stato creato grazie a una semplice tecnologia di stampa 3D.

Lo smog provoca l’asma nei bambini. L’inquinamento dell’aria e’ una delle cause che porta all’infiammazione e all’ostruzione delle vie respiratorie, come il fumo passivo.