Usare le api per spargere pesticidi, l'idea viene dal Canada

Le api sarebbero molto efficaci nella distribuzione degli insetticidi secondo una azienda canadese

WhatsApp Share

Le api portano il polline, ma potrebbero essere utilizzate anche per distribuire con estrema precisione dei pesticidi naturali sui fiori delle piante. Gli agricoltori potrebbero così evitare di utilizzare pesticidi in maniera indiscriminata creando danni alla salute e all'ambiente.

Una società canadese propone di inserire all'interno dell'arnia un vassoio contenente pesticidi in polvere e Gliocladium roseum, un fungo che attacca i parassiti presenti nelle piante . Pesticidi innocui per le api, specificano. 

La polvere 'pesticida' rimarrebbe attaccata sulle zampe delle api quando queste escono dall'alveare. In sequito le api continuerebbero a fare il loro lavoro tradizionale (quindi impollinare), ma lascerebbero nei fiori anche gli antiparassitari utili per proteggere la pianta stessa e far germogliare i frutti.

Secondo la Bee Vectoring Technology, questa tecnica consentirebbe di ridurre l'impiego di pesticidi nell'ambiente, dato che si andrebbe sempre 'a bersaglio'. Infatti al giorno d'oggi la gran parte dei pesticidi utilizzati finisce dispersa nell'ambiente senza andare ad attaccare i parassiti.

Il ruolo delle api in un ambiente sano è fondamentale e per questo anche il presidente USA Barack Obama si è impegnato a difenderle con una ‘Strategia nazionale per promuovere la salute delle api e altri impollinatori’.