Sopravvivere lontani da qui

Stephen Hawkings ha annunciato che gli umani dovranno lasciare la Terra entro 600 anni

WhatsApp Share

14 Dicembre 2017

Il professor Stephen Hawking non ha mai paura di affermare chiaramente e onestamente la sua opinione: ha espresso pubblicamente le sue paure sul futuro dell'intelligenza artificiale, sulla necessità di una nuova era spaziale, sulla gravità del riscaldamento globale, su come possiamo raggiungere un altro sistema solare e anche sul fatto che, come specie, gli esseri umani devono prepararsi a lasciare la Terra per sopravvivere .

Hawking, dopo aver fatto varie stime (dai 100 ai 1000 anni), ha da poco preso una ferma posizione sul tempo che abbiamo da passare ancora sulla Terra: 600 anni.

Quella che, secondo alcune dichiarazioni precedenti, poteva sembrare solo una necessità legata al fatto che «la diffusione è l'unica cosa che ci può salvare da noi stessi» e che quindi «gli esseri umani hanno bisogno di lasciare la Terra», in realtà nascondeva anche una preoccupazione, non solo di Hawkings, chiaramente. Il cambiamento climatico sta già causando un rapido aumento del livello del mare, ed è quindi possibile che, se questa progressione non si ferma grazie a una diminuzione delle emissioni, una percentuale significativa di quello che è attualmente emerso potrebbe finire sott'acqua. Se a questo si aggiunge che le popolazioni non fanno altro che aumentare in numero, si capisce perché in poche centinaia di anni la Terra potrebbe diventare inabitabile per gli esseri umani.

Questo giorno ipotetico, di quando gli esseri umani dovranno andarse, è stato paragonato a un «giorno del giudizio». Anche se, ovviamente, non possiamo sapere per certo quando arriverà, è bene che entriamo nell'ottica di dover trovare una nuova casa – che è quello che stanno facendo molti progetti di agenzie private e governative in tutto il mondo.
Per ora, la cosa più probabile è che finiremo su Marte.
Chissà.

 

.

VIDEO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Privacy e Termini di Utilizzo