Il leone è in pericolo: 6 cose che forse non sai di lui

Il Leone è ormai estinto in 12 paesi e rischia un inesorabile declino

WhatsApp Share

Oggi è il giorno del leone, e non parliamo del segno zodiacale, ma del re della foresta, l’animale che più di ogni altro incarna il coraggio e la forza.

È uno degli animali più amati, ma allo stesso tempo temuti dall’uomo, protagoniosta di mille storie e mille film e ritratto in tantissimi dipinti. Purtroppo ora la sua sopravvivenza nn molte zone è a rischio e per questo oggi si celebra il World Lion Day, promosso dalle organizzazioni che si battono per la conservazione di questa specie.

Come spiega lo Iucn, l'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, nel corso di tre generazioni le popolazioni selvatiche di leoni si sono quasi dimezzate

Nel corso di tre generazioni le popolazioni selvatiche di leoni si sono quasi dimezzate, secondo dati dello Iucn, l'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura.

Il futuro di questo felino, ricorda il Wwf, sta assumendo tinte fosche in tutto il continente africano: solo negli ultimi decenni i leoni si sono estinti in ben 12 paesi dell'Africa subsariana.

Il WWF ci svela 6 "segreti" dei leoni che non tutti conosciamo.

  • Il leone non è solo il re del continente africano. Esiste anche il leone asiatico, una sottospecie, ancora più vicino all'estinzione. È più piccolo e chiaro di quello africano e sopravvive solo in India, in poco più di 500 esemplari, nel Parco Nazionale di Gir.
  • I leoni sono a tutti gli effetti grandi carnivori, eppure in caso di necessità possono integrare la loro dieta con con alcune verdure. I ricercatori hanno constatato che leoni del deserto del Kalahari possono mangiano una buona dose di zucche selvatiche, anche per dissetarsi.
  • Il leone maschio non è solo un pessimo cacciatore (gran parte delle attività di caccia viene infatti svolta dalle femmine) ma è anche un pessimo "latin lover". I suoi accoppiamenti, per quanto frequenti, durano una manciata di secondi.
  • I leoni sono minacciati dalla distruzione del loro habitat, dal conflitto con le comunità locali e dal bracconaggio. Le ossa di questi animali, al pari delle tigri, vengono utilizzate per presunti rimedi della medicina tradizionale. Pesa moltissimo anche la persecuzione dei cacciatori di trofei, che due anni fa ha fatto anche una vittima "illustre": Cecil, icona dello Zimbabwe.
  • Il ruggito del leone è un importantissimo sistema di comunicazione: può essere udito fino a 8 chilometri di distanza e permette di mantenere le relazioni tra gli individui del branco.
  • In Africa i leoni sono praticamente assenti al di fuori delle aree protette. Solo in Sudafrica questo felino sta espandendo il suo territorio grazie a progetti di ripopolamento funzionali anche all'ecoturismo.

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy