L'inquinamento atmosferico ha un impatto sul cervello

Un nuovo rapporto dell'UNICEF documenta i danni che l'inquinamento atmosferico produce sul cervello in via di sviluppo

WhatsApp Share

A quanto pare le condizioni del nostro corpo che peggiorano a causa dell'inquinamento sono molte di più di quelle che pensiamo. Un nuovo rapporto dell'UNICEF indica che, anche se i suoi effetti non sono fatali, l'inquinamento atmosferico può causare danni indicibili al cervello in via di sviluppo.

Lo stadio più cruciale della crescita del cervello arriva durante i primi 1.000 giorni di vita di un bambino ed è in quel momento che si creano le connessioni neurali che sosterranno la sua funzione cerebrale per gli anni a venire.

Si è scoperto che l'inquinamento atmosferico danneggia la barriera emato-encefalica, che può portare a condizioni come l'Alzheimer e il morbo di Parkinson in età avanzata – alcune particelle, come la magnetite, possono anche entrare nel corpo attraverso il nervo olfattivo e l'intestino. Inoltre, ci sono prove che gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), che vengono creati quando i combustibili fossili sono bruciati, possono influenzare la sostanza bianca del cervello – che gioca un ruolo chiave nell'aiutare i neuroni a comunicare tra le diverse parti del cervello.

L'UNICEF ha rilevato che circa 121 milioni di bambini in tutto il mondo vivono in aree in cui l'inquinamento atmosferico supera i limiti internazionali. Alcune delle regioni più colpite sono l'Asia meridionale, con 33,4 milioni di bambini, e l'Asia orientale e il Pacifico, con 26,6 milioni di bambini.

La ricerca ha indicato che l'esposizione all'inquinamento atmosferico può essere collegata a un QI e a una memoria più deboli, verbali e non verbali, punteggi dei test ridotti e vari altri problemi comportamentali neurologici. È chiaro che essere soggetti a una scarsa qualità dell'aria in tenera età non fornisce ai bambini le condizioni di base di cui hanno bisogno per un'attività cerebrale sana in età avanzata.
Ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili potrebbe aiutarci anche in questa battaglia.