Smog: le misure decise dal vertice di Governo

Dagli incentivi per migliorare il trasporti pubblico alla decisione di far abbassare le temperature del riscaldamento: ecco tutte le proposte della strategia nazionale contro lo smog

WhatsApp Share

 

Sindaci e Governi uniti per combattere lo smog. Dopo il flop dello stop auto a Milano e delle targhe alterne a Roma, il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha deciso di scendere in campo per trovare soluzioni unificate e a lungo termine: incentivi immediati per TPL e abbassamento della temperatura dei riscaldamenti.

Durante il vertice contro lo smog, che si è tenuto in mattinata, si è deciso quindi per un fondo da dodici milioni di euro subito disponibile per le iniziative dei Comuni sul trasporto pubblico locale e la mobilità condivisa.

In caso di sforamento per più di 7 giorni consecutivi dei limiti di smog, afferma il Ministro Galletti, 'devono essere i sindaci a decidere' per l'abbassamento delle temperature del riscaldamento di 2 gradi e per limitare la velocità di circolazione di -20km/h. Altra proposta, già messa in atto, è quella degli sconti sui mezzi pubblici.

E ancora. 'E' necessario pensare ad un fondo straordinario per tutto ciò che serve per rottamare le auto più inquinanti, un fondo che dovrà avere una posta certa, a cui le Regioni dovranno contribuire per come potranno fare. Incentivare la sostituzione mezzi è importante per ridurre le emissioni', afferma il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini.

 

'Oggi si passa da interventi locali a una strategia nazionale con un coordinamento permanente che monitori la situazione e gestisca le misure messe in campo. Si è fatto un un passo avanti per adottare provvedimenti di natura strutturale che incidano sulla qualità ambientale del Paese. E' la prima volta che si mette in campo una strategia nazionale', ha commentato il presidente dell'Anci Piero Fassino.

gc