Fa bene mangiare gli anacardi?

Uno studio indiano spiega i benefici del consumo di anacardi, soprattutto per i diabetici

WhatsApp Share

25 Febbraio 2018

L'india è tra le prime nazioni al mondo produttrici di anacardi, per questo motivo, partendo da un'ipotesi di benefici che essi possono portare, il Ministero del Commercio e dell'Industria indiano ha deciso di sponsorizzare uno studio di controllo randomizzato sul consumo degli anacardi.

La ricerca, condotta a Chennai, ha dimostrato e ratificato l'ipotesi riguardo ai benefici per la salute che hanno coloro che mangiano anacardi, mostrando anche risultati positivi in un ambito che di solito non ne vede quando si parla di "noccioline": il colesterolo. Oltre a ridurre la pressione sanguigna, gli anacardi aumentano anche l'HDL (ovvero il colesterolo buono) – come hanno scritto i ricercatori nell'articolo pubblicato sulla rivista «Journal of Nutrition».

«In precedenza si credeva che tutte le noci fossero cattive in quanto contengono un bel po' di calorie e la gente pensava che l'assunzione di frutta secca avrebbe comportato un aumento di peso e colesterolo alto. Tuttavia, negli ultimi dieci anni circa, il valore nutrizionale di anacardi (mandorle, pistacchi e noci) e i loro benefici per la salute sono stati dimostrati da molti studi. Questo particolare studio è stato condotto sul consumo di anacardi tra i diabetici», afferma V. Mohan, autore principale dello studio.

I soggetti coinvoti nello studio erano indiani con diabete di tipo 2: per 12 settimane gli sono stati somministrati 30 grammi di anacardi crudi, mentre loro mantenevano la loro dieta abituale. Dopo 12 settimane, si è registrato un significativo calo della pressione sistolica (il valore superiore) e un significativo aumento del colesterolo buono. Non si sono osservati effetti deleteri sul peso corporeo, sugli zuccheri nel sangue o sull'LDL (ovvero il colesterolo cattivo).

Ovviamente, questo vale per gli anacardi crudi: gli effetti benefici possono essere attenuati se si assumono anacardi salati o arrostiti in oli di varia natura.